Roma: "Vite in musica". Al "Palladium", dal 26 febbraio al 19 marzo una serie di incontri in webinar sui rapporti tra film e generi musicali

2' di lettura 22/02/2021 - Il teatro "Palladium", storico teatro dell'Urbe, viene progettato dall'ingegnere Innocenzo Sabbatini nel 1927. Inizialmente prende il nome di "Cinema Teatro Garbatella", concepito all'interno di un progetto voluto dall'Istituto Case Popolari per creare abitazioni a sostegno della zona industriale nel quartiere Ostiense.

Il teatro si affaccia su piazza Bartolomeo Romano, insieme all’edificio dei Bagni Pubblici: progettato dallo stesso Sabbatini per accogliere i primi servizi di pertinenza al quartiere.Nel 2000, il locale chiuse per via dell'inquinamento acustico provocato ai danni di chi abitava nello stesso edificio. Successivamente, l'Università Roma 3 prese in affitto la struttura, che rischiava di diventare una sala Bingo, scegliendo poi di acquistarla definitivamente nel 2001. Il Rettore di Roma 3, Guido Fabiani, scelse di farlo diventare "uno spazio culturale importante a disposizione del Dipartimento di musica e spettacolo dell'ateneo e di tutti gli studenti, ma la struttura rientrerà anche nel circuito cittadino e nazionale degli spettacoli cinematografici e teatrali".

Il progetto #viteinmusica, alla sua seconda edizione, che si svolgerà con epicentro appunto il Palladium, informa un comunicato ufficiale del teatro, s'incentra sul complesso rapporto che da sempre lega il cinema alla musica. Attraverso una serie di incontri trasversali ai diversi generi della storia musicale, la rassegna propone un percorso che muove dai protagonisti classici fino ai divi del jazz e del rock, assegnando particolare risalto alle relazioni tra regia e composizione, tra genere e profilo musicale. Con riferimento sia alla specificità dei film stessi che saranno proiettati, sia alle vicende che hanno legato grandi registi e grandi compositori e musicisti.
Gli incontri si terranno sulla piattaforma MYmovies nel periodo compreso tra il 26 febbraio e il 19 marzo 2021, con la partecipazione di autori cine-audiovisivi, di compositori, di critici musicali e cinematografici, i quali introdurranno le proiezioni dei film a partire dalle diverse prospettive implicate.


di Fabrizio Federici
redazione@vivereroma.org





Questo è un articolo pubblicato il 22-02-2021 alle 00:34 sul giornale del 23 febbraio 2021 - 121 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, Fabrizio Federici