Roma, sos rifiuti, scontro Raggi-Regione: ipotesi commissariamento

2' di lettura 15/07/2021 - La Regione Lazio ormai non nasconde di essere pronta a commissariare Roma, e accusa la Raggi: l'unica azione concreta annunciata dalla sindaca è la riapertura della discarica di Albano, paese vicino Roma, per portarci i rifiuti della Capitale. Il fallimento" sul fronte dei rifiuti è "della Regione Lazio e del presidente Nicola Zingaretti che da otto anni la governa", replica la sindaca: "da circa dieci anni abbiamo problemi nella gestione dei rifiuti nel Lazio e a Roma, e da circa dieci anni la Regione Lazio é governata dalle stesse persone".

L'emergenza rifiuti minaccia la Capitale e il tema è stato al centro di una seduta straordinaria dell'assemblea capitolina che dopo tre appelli senza numero legale, le proteste dei capigruppo per l'assenza iniziale di Virginia Raggi, si è conclusa senza la votazione di alcun atto per la mancanza del numero legale. E mentre in varie zone della città i cassonetti si presentano stracolmi di rifiuti, tanto da portare ieri alcuni cittadini a bloccare la via Tuscolana per protesta, mercoledì in Aula Giulio Cesare la sindaca Virginia Raggi ha tuonato contro la Regione Lazio.

La prima cittadina si é poi rivolta ai sindaci e ai cittadini, lanciando "un appello a loro e a tutti i sindaci: appoggiateci nella battaglia per riaprire la discarica di Colleferro e gli altri impianti ancora utilizzabili". I sindaci dell'hinterland romano, una trentina in tutto, hanno però manifestato in piazza del Campidoglio per dire no alla trasformazione dei loro territori nella discarica di Roma, dopo che la Raggi ha ribadito l'intenzione di riaprire la discarica di Albano. A rispondere alla sindaca ci ha pensato l'assessore della Regione Lazio Massimiliano Valeriani che rimarca le responsabilità della sindaca e ribadisce la ormai probabile possibilità del commissariamento: "Le Regioni non realizzano gli impianti per la gestione dei rifiuti: la legge nazionale stabilisce infatti che le amministrazioni regionali autorizzino gli impianti su richiesta dei Comuni e degli operatori pubblici e privati, che sono chiamati a costruirli e a gestirli.

Continuare a negare anche queste competenze, vuol dire imbrogliare i cittadini", dice Valeriani. Sono mesi che diciamo che Roma ha bisogno di una discarica perché portando i suoi rifiuti in tutto il Lazio ha saturato rapidamente diversi siti di smaltimento. Ora tutti i Comuni sono stanchi di ospitare i rifiuti di chi con arroganza scarica su altri il problema. La Sindaca non ci ha dato ascolto e ora siamo al disastro. Dopo la sentenza del Tar, che ci ha obbligato a seguire la via ordinaria, procederemo a commissariare chi é incapace di gestire i propri rifiuti", conclude.






Questo è un articolo pubblicato il 15-07-2021 alle 10:09 sul giornale del 16 luglio 2021 - 203 letture

In questo articolo si parla di attualità, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/caqV





logoEV