Libia, arrivati in Italia dai campi di detenzione 95 profughi con i corridoi umanitari

1' di lettura 01/07/2022 - Il programma vede la collaborazione tra: Comunità di Sant'Egidio, Chiese protestanti e UNHCR

(Roma). Grazie al sistema dei corridoi umanitari, 95 profughi​ provenienti dai campi di detenzione della Libia, dove sono stati vittime di torture e altri gravi maltrattamenti, sono arrivati in Italia. Originari di diversi paesi africani e dalla Siria, verranno ospitati in diverse regioni italiane. L'arrivo, reso possibile da un protocollo firmato dai ministeri dell'Interno e degli Esteri, UNHCR, Comunità di Sant'Egidio, Fcei e Tavola Valdese, prevede un totale di 500 profughi accolti nel nostro paese. Presso la sede della comunità di Sant'Egidio a Roma è stato dato il benvenuto ai nuovi arrivati e si è tenuta un conferenza stampa, per illustrare l'accoglienza e l'integrazione offerta secondo il modello ormai sperimentato dei corridoi umanitari. Alla conferenza sono intervenuti: Marco Impagliazzo, presidente Comunità di Sant'Egidio, Daniele Garrone, presidente Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Carlotta Sami, portavoce UNHCR in Italia. (Fabrizio Rostelli/alanews)








Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 01-07-2022 alle 17:42 sul giornale del 02 luglio 2022 - 107 letture

In questo articolo si parla di attualità, video, Alanews

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ddYC





logoEV