SEI IN > VIVERE LAZIO > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Migranti, dolore Papa: "Mediterraneo enorme cimitero"

3' di lettura
40

(Adnkronos) - "Troppe persone, in fuga da conflitti, povertà e calamità ambientali, trovano tra le onde del Mediterraneo il rifiuto definitivo alla loro ricerca di un futuro migliore".

Lo denuncia il Papa in occasione del raccoglimento interreligioso a Marsiglia per ricordare quanti sono morti nel Mediterraneo. "E, così, questo splendido mare è diventato un enorme cimitero - denuncia ancora una volta Bergoglio -, dove molti fratelli e sorelle sono privati persino del diritto di avere una tomba e a venire seppellita è solo la dignità umana". Il Pontefice, ai leader religiosi, osserva: "Amici, anche davanti a noi si pone un bivio: da una parte la fraternità, che feconda di bene la comunità umana; dall'altra l'indifferenza, che insanguina il Mediterraneo. Ci troviamo di fronte a un bivio di civiltà". “Tante volte quando mandano via” i migranti “è per essere imprigionati e torturati”. Lo ha sottolineato a braccio il Papa nel suo intervento davanti ai leader religiosi, a Marsiglia, con i quali è in corso il ricordo dei migranti morti nel Mediterraneo. Sul volo che lo porta a Marsiglia, il Pontefice, commentando coi media al seguito la situazione a Lampedusa, aveva detto: “Spero di avere il coraggio di dire tutto quello che voglio dire”. ”Dinanzi a noi c’è il mare, fonte di vita, ma questo luogo evoca la tragedia dei naufragi, che provocano morte. Siamo riuniti in memoria di coloro che non ce l’hanno fatta, che non sono stati salvati”. Il Papa, a Marsiglia, insieme ai leader religiosi, ricorda i morti nel Mediterraneo. Il tono e’ grave: “Non abituiamoci a considerare i naufragi come fatti di cronaca e i morti in mare come cifre: no, sono nomi e cognomi, sono volti e storie, sono vite spezzate e sogni infranti. Penso a tanti fratelli e sorelle annegati nella paura, insieme alle speranze che portavano nel cuore. Davanti a un simile dramma non servono parole, ma fatti”. “Prima ancora, però, - dice Francesco- serve umanità: silenzio, pianto, compassione e preghiera. Vi invito ora a un momento di silenzio in memoria di questi nostri fratelli e sorelle: lasciamoci toccare dalle loro tragedie”. "Non possiamo rassegnarci a vedere esseri umani trattati come merce di scambio, imprigionati e torturati in modo atroce; non possiamo più assistere ai drammi dei naufragi, dovuti a traffici odiosi e al fanatismo dell'indifferenza" ammonisce il Papa. "Le persone che rischiano di annegare quando vengono abbandonate sulle onde devono essere soccorse. È un dovere di umanità, è un dovere di civiltà!" sottolinea. "Il Cielo ci benedirà, se in terra e sul mare sapremo prenderci cura dei più deboli, se - scandisce Francesco- sapremo superare la paralisi della paura e il disinteresse che condanna a morte con guanti di velluto". Il Papa chiama in causa, poi, i leader religiosi: "In questo, noi rappresentanti di diverse religioni siamo chiamati a essere di esempio".

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook di Vivere Lazio .
Clicca QUI per trovare la pagina.


Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 23-09-2023 alle 09:40 sul giornale del 23 settembre 2023 - 40 letture






qrcode