SEI IN > VIVERE LAZIO > ATTUALITA'
articolo

Roma: Sicurezza stradale: la nuova campagna di comunicazione di Roma Capitale

1' di lettura
28

A partire dal 29 gennaio, Roma Capitale ha lanciato una nuova campagna di comunicazione volta a sensibilizzare i cittadini sulla sicurezza dei pedoni, sottolineando l'importanza di rallentare e fermarsi in prossimità delle strisce pedonali.

L'iniziativa, supportata dall'Assessore alla Mobilità Eugenio Patanè, adotta un approccio creativo utilizzando l'immagine del pedale del freno delle auto.

L'idea chiave è trasformare le scanalature del pedale del freno in strisce pedonali, colorandole di bianco. Il risultato è un key visual che suggerisce visivamente il collegamento tra il freno e il rispetto delle strisce pedonali. Il titolo della campagna, “Mettiamo un freno agli incidenti sulle strisce pedonali”, invita tutti a diventare più responsabili e attenti, enfatizzando l'importanza dell'impegno collettivo per apportare un cambiamento significativo.

La campagna, diffusa attraverso i canali social istituzionali, avrà una vasta visibilità in città. Sarà proiettata su 220 maxi schermi LED in tutto il territorio cittadino, su 200 paline alle fermate degli autobus e su più di 200 pensiline bus digitali. Inoltre, sarà trasmessa su alcune delle radio più ascoltate della città.

L'Assessore alla Mobilità, Eugenio Patanè, ha sottolineato l'importanza di concentrarsi sulla sicurezza dei pedoni, evidenziando che nel 2023 Roma ha registrato un record negativo con 43 pedoni che hanno perso la vita in incidenti sulle strisce pedonali. La campagna si inserisce in un più ampio programma di interventi che riguarderanno 30 "Black Points Pedonali" in 15 Municipi, con l'obiettivo di completare i lavori entro il Giubileo 2025. L'approccio olistico di Roma Capitale mira a migliorare la sicurezza stradale e a sensibilizzare sui comportamenti responsabili alla guida.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook di Vivere Lazio .
Clicca QUI per trovare la pagina.


Questo è un articolo pubblicato il 29-02-2024 alle 10:18 sul giornale del 01 marzo 2024 - 28 letture






qrcode