SEI IN > VIVERE LAZIO > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Maestra aggredita a Ostia, Valditara visita la scuola: "Solidarietà del governo, lo Stato c'è"

3' di lettura
18

(Adnkronos) - Visita del ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, questa mattina, nella scuola di Ostia finita alla ribalta della cronaca nei giorni scorsi perché una maestra è stata aggredita dalla mamma di un alunno della famiglia Spada, per un rimprovero al figlio.

“Ho incontrato la docente e le ho portato la solidarietà e la vicinanza del governo, dello Stato e mia personale. Lo Stato come sempre è qui presente” , ha detto il ministro. “La maestra era ovviamente preoccupata: lei ha fatto il suo dovere e ha evitato che ci fosse una rissa in classe”, ha spiega Valditara riportando la ricostruzione dell’insegnante secondo la quale “un bambino in quel momento stava picchiando un altro bimbo e quindi li ha separati”. “Ha fatto quello che un insegnante dovrebbe fare - ha sottolineato Valditara - Nelle nostre scuole la violenza non è ammessa. La cultura del rispetto è quello che chiediamo a tutti gli insegnanti di trasmettere a tutti i bimbi e quell’insegnante stava cercando di trasmettere la cultura del rispetto. Sappiamo cosa è successo dopo - ha proseguito il ministro - Solidarietà all’insegnante ma soprattutto voglio sottolineare la solidarietà a tutti coloro che insegnano in un contesto complicato”. “Ho visto bambini meravigliosi, molti mi hanno voluto abbracciare, tantissimi hanno scambiato il cinque e hanno voluto darmi la mano - ha raccontato il ministro che ha svolto in forma riservata una visita dell’istituto insieme al personale scolastico - Non dobbiamo permettere che qualche genitore o qualche famiglia possa rovinare bambini stupendi”. “Un figlio è quanto di più prezioso per un genitore e dobbiamo far capire a tutti i genitori, parlo in generale perché purtroppo sono tante le aggressione ai docenti, che è interesse del genitore stesso, se ama veramente il proprio figlio, avere un buon rapporto con la scuola e rispettare gli insegnanti: dialogare con loro e non aggredirli”, ha insistito Valditara. “La maestra (aggredita, ndr) riprenderà a breve servizio”, ha quindi riferito il ministro. “Quello che ha passato non è stato facile”. E a chi gli chiedeva se la docente farà denuncia Valditara ha replicato: “Non credo che l’azione abbia necessità di una denuncia: c’è un’indagine e chi ha aggredito l’insegnante, dopo gli opportuni accertamenti di forze dell’ordine e magistratura, si ritroverà a rispondere dei risultati degli accertamenti”. “Lo Stato è molto determinato. Ho colto apprezzamento per questa mia presenza. Sappia qualsiasi mafia o qualsiasi singolo individuo che lo Stato è molto più forte di qualsiasi singolo individuo e di qualsiasi singola mafia e ha tutti gli strumenti per farsi rispettare”, ha scandito Valditara. “Vogliamo una scuola del rispetto in cui ci sia amore per i bambini che, sono una realtà stupenda”. “Ho trovato un clima di grande vicinanza allo Stato e di grande condivisione”, ha proseguito aggiungendo che certamente c’è anche “preoccupazione” ma “ho detto a tutti che lo Stato è qui e, come ha dimostrato a Caivano, non dimentica e non scappa”.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook di Vivere Lazio .
Clicca QUI per trovare la pagina.


Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 15-05-2024 alle 15:13 sul giornale del 16 maggio 2024 - 18 letture






qrcode